Seguendo il mio istinto, ho trovato un’altra vittoria!

Standard

Segui il tuo istinto! Così recita il cerbiatto Tip Tap stampato sulla maglietta che ho acquistato ieri al
banchetto dell’associazione no profit Nata Libera (www.natalibera.org), che ha dato il nome alla prima
edizione del trail organizzato a Sala Biellese e, a favore della quale, è andato tutto il ricavato della
manifestazione. Seguire il mio istinto, mi ha portato ieri nella Serra Biellese, un paradiso in terra, con
larghi sentieri per escursioni, a piedi o in bicicletta. Il percorso di gara, disegnato dall’Atletica
Gaglianico74, con la supervisione della campionessa Elisabetta Perrone, si è subito rivelato veloce e
avventuroso perché, ad ogni km, si presentavano davanti agli occhi degli atleti scenari diversi, dal bosco
fitto, a tratti di spianate erbose, dalla pineta alle mulattiere che, risalendo lungo le pendici delle colline,
lasciavano correre lo sguardo su scorci e panorami incontaminati, fino alle suggestive discese e salite a mo’
di montagne russe dei km centrali. Un ragionamento può essere sbagliato, un’emozione no. Per questo
corro e mi lascio trasportare dalla gioia di farlo! Quando corro nella natura sento molto meno la fatica che
sull’asfalto, e anche ieri, nonostante i continui cambi di ritmo, dovuti alle salite e alle discese, che
costringevano a correre sempre a perdifiato, l’ambiente circostante mi ha trasportato in una sorta di
dimensione parallela, in cui immaginavo intorno a me gli animali del bosco che ci spiavano, quando
passavamo ansanti, e si domandavano come mai, e da chi, stessimo scappando tutti. E proprio agli
animaletti voglio dedicare la mia vittoria! Perché li amo e, nel mio piccolo, cerco di proteggerli al meglio
come giovedì mattina quando è volato nel mio ufficio, probabilmente scappando da qualche gabbietta dei
condomini antistanti, un piccolo uccellino, un diamante mandarino, che ho messo in salvo, e che, alla fine,
ho portato a casa ad aumentare la mia ‘tribù’ composta da 2 cani e 2 gatti. Non poteva che rivelarsi un
portafortuna per una gara organizzata da un’associazione che ha fatto del salvataggio degli animali,
selvatici e non, la sua ragione di vita. Inoltre, prima della partenza della gara, ho fatto la foto
beneaugurante con la cagnolina Stella del Bar Lupo di Sala, che accoglieva festante tutti i runners, e che ho
ufficialmente nominato la mia mascotte della giornata. Grazie alla mia vena animalista, che mi ha fatto
preferire, per la terza domenica consecutiva, una levataccia per andare fin dalle parti di Biella, invece di
optare per una delle tante gare che domenica c’erano in Lombardia, ieri ho potuto alzare le braccia un’altra
volta all’arrivo, tra due ali di pubblico che, nonostante non sia un’atleta piemontese, mi hanno accolto e
fatto sentire a casa fin dalla prima gara! Ci avrà messo lo zampino la Piota Vagante che, pur non avendomi
fatto smarrire la via di casa nel suo trail di due settimane fa, ora mi riporta sempre a correre nel Biellese?
Se anche fosse, devo sicuramente ringraziarla, perché sto scoprendo dei territori di notevole interesse
naturalistico, che fanno venire voglia di dimenticare la vita frenetica per tornare ad assaporare la vita nei
piccoli borghi che occhieggiano sulle pendici boschive dei colli. Dopo due anni di mezze maratone e corse
su strada, alla mia prima esperienza di corsa in montagna nell’aprile scorso, ho capito che la mia ‘strada’,
da quel momento in poi, sarebbero stati i sentieri. In attesa delle skyrace estive, quest’anno ho quindi scelto di allenarmi coi trail nei mesi invernali e primaverili, scoprendo così un mondo genuino, di fatica e di
sudore, ma soprattutto di passione per la corsa e amore per la natura! E’ bello correre nei boschi, senza
l’assillo del cronometro che, su questi percorsi, è inutile perchè non ci possono essere termini di
riferimento assoluti, visto che anche lo stesso percorso di gara, in condizioni climatiche differenti, da un
anno all’altro, può far riscontrare differenze di minuti, dovute al terreno scivoloso o meno, a un tronco
caduto da scavalcare, che l’anno prima non c’era o a tante imprevedibili variabili che rendono ogni corsa
unica e diversa. Ma soprattutto è bello il tifo delle persone che, in diversi punti dei sentieri, o nei brevi
pezzi in cui si torna sulla strada per attraversare i paesini tra una collina e l’altra, non si risparmiano nel tifo
per tutti gli atleti, dal primo all’ultimo, che sia conosciuto o meno. Questo spirito fa sì che dopo la gara ci
si ritrovi tutti con le gambe sotto il tavolo a mangiare in compagnia, come ieri nella piazza di Sala Biellese
che è diventata una sala da pranzo all’aria aperta con signore che distribuivano la polenta concia per tutti.
Non c’è miglior modo di festeggiare che stare in compagnia di chi condivide i tuoi stessi ideali. E ieri mi
sono sentita proprio a casa, trascorrendo ore piacevoli, tutti insieme, in nome dell’amore per la natura, per lo sport e per gli animali.

 130 gli atleti classificati al trail lungo poco meno di 19 km, valevole come Prova Unica del Campionato
Regionale di specialità “Lunghe Distanze” FIDAL 2012, che ha visto trionfare ancora i vincitori del trail
della Piota Vagante, Enzo Mersi dell’Atletica Monterosa (1h13’35’’) e Isabella Labonia (1h30’06’’)
dell’Atletica Presezzo Valetudo. A completare il podio maschile il neo campione regionale Michele Rossi
(1h14’40’’) del G.S.A Valsesia e Carlo Torello Viera (1h16’22’’) del G.S Ermenegildo Zegna. Podio
femminile su cui sono planate due aquile Valetudo Rosa, che, nel luglio scorso ai campionati italiani di Skyrunning a coppie hanno messo anche gli artigli sulla medaglia d’argento: prima Isabella Labonia, seguita da Marina Plavan che in 1h35’49’’si è laureata campionessa regionale assoluta e master B, con la maglia della sua squadra Fidal S.D. Baudenasca. Sul terzo gradino del podio, l’atleta di casa Gabriella Boi dell’A.S. Gaglianico74 che, con il tempo di 1h40’06’’, si guadagna la maglia di campionessa regionale Master A. Tra le altre aquile Valetudo presenti, ottimo quarto posto per Carmela Vergura. Un dolore al tendine ha invece impedito a Alberto Bolcato di primeggiare come suo solito, costringendolo a rallentare per giungere al traguardo in 30esima posizione assoluta. A lui i migliori auguri di pronta guarigione! Tra i 51 atleti del trail corto di 11,8 km trionfano Alberto Mosca (42’41’’) della G. S. Orecchiella Garfagnana, seguito da Luca Valz (48’52’’) dell’A.S. Gaglianico74 e Valerio Facciolo (50’24’’) dell’Euroatletica2002. Per quanto riguarda l’altra metà del cielo, al primo posto Joanna Drelicharz dell’Atletica Futura ASD, seguita da Nicoletta Passuello del G.S. Ermenegildo Zegna e Tiziana Borri dell’A.S. Gaglianico 1974.

Isa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...