La terra intanto trema….

Standard

  … siamo nel mezzo dell’annata apistica…

la fioritura d’Acacia è ormai terminata da 2 settimane in pianura e nelle vallette collinari a pusterno da poco meno di 1 settimana … è stato un raccolto nelle norme stagionali che ci ha fatto rimpiangere le produzioni della scorsa annata; nella bassa pianura bergamasca  le famiglie hanno mostrato una consistente variabilità nei melari posati, da 1 melario ad eccezioni di 3 melari che non sono mancate.La durata della fioritura è stata di 10 giorni ca. intervallata, in alta pianura bergamasca, dai rovesci di stagione; le famiglie hanno sciamato poco; ho “scellato” (eliminato le celle da regina)  per 2 volte a distanza di 7 giorni prima dell’imminente inizio della fioritura; quando sono comparsi i primi grappoli bianchi e le api hanno iniziato a dedicarsi anima e corpo alla bottinatura della Robinia ho provveduto a decongestionare il nido dando spazio con i melari …
le famiglie larghe su 9 telai non hanno avuto problemi  nella salita a melario … quelle su 6/7 favi da nido hanno faticato! … ho deciso di utilizzare anche quest’anno regine emiliane: hanno la straordinaria capacità di covare; le famiglie rimangono molto popolose e sciamano poco grazie anche all’attenta selezione praticata dai produttori di queste zone altamente vocate. Unico inconveniente: la covata abbondante induce la massiccia salita a melario e riduce i melarietti sui favi da nido che in tardo autunno (con la scarsa importazione) e ad invernamento, specialmente sulle fasce collinari, può portare a squilibri nella nutrizione, perdita di famiglie per fame, saccheggio … ma questi sono i normali problemi con i quali deve scontrarsi l’apicoltore …

A giorni è fiorito il rovo …  le famiglie non mostrano sintomi di malessere per ora ( non bisogna assolutamente mettersi il cuore in pace)…  è tempo di millefiori, ailanto, tiglio, erba medica da semenza (rara) bella in fiore che tinge i campi di viola-porpora e, sempre tempo permettendo, tra 1-2 settimane, il favoloso aroma caratteristico e dal sapore amaro inconfondibile del miele di castagno …

 … oggi la terra ha continuato a tremare con scosse che hanno messo in ginocchio paesi interi in Emilia Romagna, il pensiero va a loro, terra di grandi apicoltori e di abili contadini …  

 Mat

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...