La caduta naturale di Varroa destructor

Standard

L’ analisi della caduta naturale (distacco dell’acaro dal corpo dell’ape senza trattamenti) di Varroa destructor nell’ alveare è una pratica basilare a partire dal mese di giugno in poi: ogni 4 settimane è bene effettuare 3 conte successive di acari caduti spontaneamente sul cassettino di fondo dell’arnia  a distanza di 5 giorni l’una dall’ altra; conte su 1 ogni 5 alveari per apiario da 25 e 1 ogni 10 per apiari più consistenti.

Va ricordato che per ogni acaro caduto/giorno ho 120-150 acari nell’ alveare e che la vita della varroa si sviluppa in due fasi: la fase foretica, nella quale la varroa è sull’ape adulta, e la fase riproduttiva, nella quale essa si trova nella covata opercolata ( rapporto di 2/3 nella covata opercolata e di 1/3 sulle api adulte); per cadute basse posso contare gli acari singolarmente a mano o con conta pezzi; per cadute consistenti conviene (per motivi di tempo)  dividere il foglio in quadranti e moltiplicare il singolo quadrante per il n° di quadranti disegnati. Posso utilizzare sul cassettino di fondo:  fogli adesivi di conta, grasso di vaselina od olio di frittura per immobilizzare l’acaro caduto.

Importante per l’attendibilità delle conte è sicuramente il ridurre le variabili (specialmente nel caso si operi con raccolte dati per indagini sperimentali): è necessario disporre di attrezzature con caratteristiche omogenee (mi riferisco alle dimensioni della rete sul fondo dell’arnia) , rispettare con rigore i tempi tra una conta e la successiva, contare in periodi di “calma” per le operazioni apistiche (se conto dopo aver raccolto i melari con soffiatore i dati possono subire variazioni notevoli), omogeneità anche a livello di famiglie monitorate (nello specifico distinguere famiglie in produzione e nuclei), impedire alle formiche di portar via gli acari caduti (brutto vizio questo!): la bibliografia consiglia 4 piedini sul fondo dell’arnia immersi  in barattoli con olio oppure, come qualcuno consiglia sul web,  riporre foglie di pomodoro spezzettate sul vassoio (repellente naturale).

Varroa colpisce maggiormente le larve di fuco (maschi) perché può riprodursi dando 4 varroe figlie invece che le 3 ottenute con le larve operaie (femmine), questo è dovuto semplicemente alle tempistiche nella “nascita” che nel fuco sono 24 giorni mentre nell’operaia 21. Quindi  nel caso in cui si  voglia procedere con la lotta biomeccanica che elimina la covata maschile per eliminare il parassita con sistemi come il Telaino T3 (vedi video) o “sforchettando” le larve di fuco: è bene sapere che se conto ad occhio più di  10 varroe su 100 celle da maschio sono in presenza di una forte infestazione dell’acaro.

Fino al 2004 i dati su una caduta naturale nella  norma  potevano essere: giugno max 3 acari/giorno; agosto max 15 acari/giorno; settembre max 1 acaro/giorno; intera stagione apistica max 30 acari/giorno. Sono dati da considerarsi oramai utopici, attualmente le cadute naturali si attestano di norma tra i 30-70 acari (tra giugno- luglio) e tra i 600-2000 alla 1° conta  dopo il  trattamento estivo con blocco di covata + acido ossalico (a fine luglio). La soglia critica d’infestazione è numericamente dalle 3000 alle 6000 varroe presenti in alveare (la stima può essere realizzata anche con il metodo dello zucchero a velo trattato nell’ articolo  “To bee or not to bee”).

In sintesi si può dire che il trattamento tampone estivo anticipato,  cioè a fine giugno- inizio luglio (terminato il castagno per intenderci!) e  prima del raggiungimento di 3500 varroe stimate per alveare sia oggigiorno una procedura  indispensabile .

Daglie all’acaro daglie!

Mat

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...