Amici Animali: identikit di un gatto.

Standard

Le fusa di un gatto, di qualsiasi razza sia, sono l’espressione della felicità assoluta. (Pam Brown)

Se vivi con un gatto ti accorgi subito di quanto questi animali siano simili a noi.. molto più di quanto si possa immaginare… perlomeno a me è successo così.

Totoro vive con noi da quattro anni ormai e ogni volta mi sorprende.. è sempre attento a ciò che succede intorno a lui, è curioso, sa essere delicato all’occasione  pensa e progetta le sue marachelle (e il piano di fuga!!) e soprattutto: ricorda.
Ma una delle capacità più buffe del mio amico pelosetto è quella di saper prevedere il tempo!
Lo osservo mentre è intento a fare il suo bagnetto e lui, da meteorologo esperto, mi svela numerose informazioni: quando si passa una zampa sopra un orecchio la pioggia è in arrivo; se mentre si lava evita accuratamente il suo nasino, allora il bel tempo è alle porte. Se poi in un giorno di pioggia lui dorme beato tutto il giorno… pazienza, la pioggia durerà poco e l’indomani splenderà di nuovo il Sole.
Ad essere onesti, la meteorologia felina non sempre c’azzecca, è vero, ma a dirla tutta nemmeno quella umana!!!

Totoro, che mi ha ispirato questo articolo

Totoro, che mi ha ispirato questo articolo

E la coda?
Quando arrivo a casa la sera, Totoro mi viene in contro con la coda alta, fiero di sé.  Una volta arrivato vicino a me inizia a muoverla leggermente avanti e indietro: questo è il suo modo per essere ruffiano dirmi “Ciao! Sono stato bravo tutto il giorno! Me la dai un po’ di pappa?”
Il gatto, infatti, è un animale dal carattere sibillino, ma il linguaggio del suo corpo spesso è in grado di svelare qualche mistero, e la coda ci rivela molto del suo stato d’animo.
Mentre studia la situazione e non ha ancora preso una decisione, muove lentamente la coda a destra e a sinistra, invece quando la agita come una frusta, con movimenti nervosi, sta dando un avvertimento “Ehi tu! Mi stai innervosendo! Se non la smetti ti graffio!”.
Quando caccia, si fa basso-basso e anche la coda è ben schiacciata a terra; se poi si trova davanti un nemico, in un batter d’occhio la coda si alza e il pelo si fa irto. Infine, se la situazione peggiora… beh,  torna a casa con la coda tra le gambe.

Un altro aneddoto divertente legato ai gatti riguarda il colore del loro pelo: alcuni sostengo infatti che dal manto del gatto si possa capire il loro carattere.
I gatti dal pelo rosso sembrerebbero essere i più intelligenti, imparano prima degli altri ad aprire le porte, inoltre sono i più vivaci e sempre molto fieri di sé. Totoro è leggermente rossiccio ed in effetti è come un piccolo leone, è il re della casa.
I gatti dal manto bianco, invece, sono calmi, pacifici e amichevoli. In passato si riteneva che questi gatti fossero poco brillanti: questa falsa credenza era forse dovuta al fatto che questi mici sono spesso sordi, e di conseguenza sembrano incapaci di assimilare semplici nozioni come imparare il loro nome.
I gatti neri sono leali e caparbi e sono anche quelli con la salute migliore e le migliori prospettive di vita.
I gatti grigi invece sembrano racchiudere in sé il meglio del bianco e del nero; sono gatti saggi che sanno trasmettere tranquillità al loro padrone, ma sono anche decisamente vivaci.
Infine, i gatti con il pelo a macchie sembrano più coccoloni, sono molto gelosi del proprio spazio e cercano spesso il contatto col padrone.

Mirtilla, amica di penna di Totoro

Mirtilla, amica di penna di Totoro

I nostri amici gatti, quindi, ci rallegrano la giornata e ci tengono compagnia, pertanto è nostro dovere prenderci cura di loro. Decidere di adottare un gatto è una scelta che va fatta responsabilmente: il gatto non è un giocattolo che possiamo trascurare.
I gatti, per antonomasia, sono animali responsabili e indipendenti, ma noi gattofili ci crediamo poco; ovviamente, se sono costretti, i nostri amici felini si arrangiano a fare tutto, ma questo non significa che non apprezzino le nostre cure.
E allora sotto con queste cure! Diamoci da fare!
Controlliamo che occhi, orecchie e naso siano sempre ben puliti e in caso non fosse così, puliamoli noi con un batuffolo di cotone e acqua tiepida, prestando particolare attenzione alle orecchie, e limitandoci a pulirne solo la parte più esterna.
I gatti tengono molto all’igiene, motivo in più per tenere la lettiera sempre ben pulita: i bisogni vanno rimossi giornalmente e una volta alla settimana è necessario lavare la cassettina sostituendo completamente la sabbia.
Proteggiamo la loro salute anche attraverso i vaccini! A circa due/tre mesi d’età il gatto va portato dal veterinario per i vaccini di rito, contro la rinotracheite virale, la calicivirosi e la panleucopenia. Anche un controllo annuale del veterinario è molto importante, perché ci aiuta ad individuare eventuali problematiche del nostro micio.

Un’ultima raccomandazione: giocate, giocate e ancora giocate con i vostri amici gatti!
Il felino è curioso per natura, sociale e giocherellone, una vita sedentaria e priva di brio può stressarli. Prima di andare a dormire dedichiamo un po’ di tempo al nostro amico peloso e giochiamo con lui con dei nastrini o delle palline, simulando caccia ed esplorazione.

La Bagi.

Annunci

Una risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...